Bordatrici

Le BORDATRICI presentano due serie, per meglio adattarsi alle esigenze dei diversi settori produttivi:

Le bordatrici della serie MONO 

sono dotate di una testa di lavoro (una coppia di rulli).

Sono disponibili in due versioni, a seconda del diametro dei rulli.

Le bordatrici della serie TRIS 

hanno un corpo macchina che ruota sul basamento, al fine di agevolare le lavorazioni che richiedono il cambio del rullo; questa serie è dotata di tre teste di lavoro e, quindi, di tre coppie di rulli a diversa sagomatura, che consentono lavorazioni complesse e con più passaggi in sequenza (ad esempio, la graffatura di scatole per valvole, la graffatura di lamiere, la rastrematura e giunzione di tubi e curve, etc.).

Di conseguenza, TRIS consente una riduzione dei tempi di lavoro (non si effettua il cambio rulli) e degli ingombri in officina o in cantiere (si utilizza un’unica macchina, invece di tre).

Le BORDATRICI TRIS sono disponibili in due versioni, a seconda del diametro dei rulli.

Le BORDATRICI Produtech

Effettuano lavorazioni di bordatura, nervatura e graffatura di lamiere in ferro, alluminio, rame e acciaio inossidabile.

Questi modelli sono composti da un corpo motore superiore e da un basamento inferiore con vano porta-utensili: le due unità sono fissate con quattro pomoli che permettono una facile separazione dei due blocchi, per un trasporto agevole e con il minimo ingombro.

Le BORDATRICI sono azionate da un motoriduttore gestito da un variatore elettronico di velocità, il quale consente una facile e rapida progressione della velocità di rotazione dei rulli (tramite un potenziometro).

È possibile operare anche istantanee inversioni del senso di rotazione dei rulli, poiché il variatore controlla automaticamente l’accelerazione e la decelerazione del motore.

Grazie all’utilizzo di cuscinetti a sfera (in sostituzione delle bronzine) è possibile ottenere una velocità di rotazione dei rulli quasi doppia rispetto alle bordatrici tradizionali.

Per ogni testa di lavorazione, le BORDATRICI sono dotate di piastre di riscontro in acciaio temprato che guidano la lamiera in lavorazione, senza che subisca rigature ed incisioni: ciascuna testa di lavorazione permette la regolazione delle proprie piastre di riscontro.

Il rullo superiore – azionato tramite leva manuale con vite (versione manuale) oppure tramite cilindro pneumatico (versione pneumatica) – si muove verticalmente su guide temprate, garantendo quindi il parallelismo con il rullo inferiore ed evitando il cosiddetto “movimento a forbice”.

Call Now ButtonChiamaci subito! Scroll Up

Iscrizione all'evento: